Italiano English Deutsch

Noi che non siamo così determinati da realizzare una visione ordinata del Mondo, possiamo tuttavia sperare di ritrovare il gusto profondo, a volte sconosciuto, di una dimensione piacevole della vita.
Se così non fosse rischieremmo di smarrire le ragioni di fondo, spesso le più semplici, della nostra esistenza.
Il Piccolo Teatro del Carbone é dunque per noi un voto di fiducia e di impegno per un futuro di speranza ove tutti possiamo esprimerci e cantare in piena libertà.

Davide Rubbini, Architetto

Piccolo Teatro del Carbone

Per gran parte del Medioevo le Locande sulla via Francigena si trasformavano ogni tanto in teatro di strada ospitando piccole Compagnie ambulanti di attori, musicanti, danzatori e burattinai.

La locanda aveva naturalmente solo tavoli e sedie per mangiare e bere e in quelle circostanze i clienti potevano godersi una serata di divertimento "tutto compreso nel prezzo".

Abbiamo voluto ricreare quell'atmosfera che, dalle nostre parti, ha conosciuto interpreti famosi come Giovanni Boccaccio e Andrea da Barberino.

Alla stessa maniera in alcuni fine settimana, con la gestione dell'Associazione culturale Scheto House Club, rendiamo omaggio a quella millenaria tradizione con piacevoli iniziative di intrattenimento e di svago.

Alla storia e alla cultura della Val d'Elsa e alla memoria del caro amico Francesco Carbone dedicato il Piccolo Teatro del Carbone. Il dipinto di Francesco uno straordinario omaggio del pittore toscano Ademaro Bardelli.

E' stato progettato e realizzato dal restauro di un fienile del '600 e inaugurato alla fine del 2006.